SOLUZIONE ANTI-DRONE

L'oscilloscopio SMASH 2000 Plus si blocca sui bersagli nel campo visivo dell'ottica e non spara l'arma finché non viene assicurato un colpo. Lo scopo porta la tecnologia di controllo del fuoco dei carri armati ai singoli fucilieri, rendendo molto più facile il lavoro di sparare a bersagli in movimento, in particolare i Droni.

La linea SMASH 2000 di cannocchiali da puntamento elettronici presenta una tecnologia che fino a poco tempo fa era limitata a carri armati e veicoli blindati. Gli inseguitori automatici sono progettati per rilevare e agganciare obiettivi nel campo visivo dell'oscilloscopio, in genere sovrapponendo una casella dai colori vivaci sull'obiettivo. Ciò consente al tiratore di tenere traccia del nemico su un campo di battaglia disordinato e in rapido movimento.



SMASH 2000 utilizza la tecnologia di localizzazione automatica e la posiziona sulla guida superiore di una carabina o fucile. Un fucile può usare l'ambito per localizzare il bersaglio e quindi tenere premuto il grilletto. Il mirino bloccherà l'arma dal fuoco fino al momento in cui calcola un colpo, quindi l'arma sparerà. L'arma calcola anche la caduta del proiettile su lunghe distanze e alcune versioni includono una visione notturna e un ingrandimento migliorati.



I nuovi ambiti sono stati originariamente pubblicizzati per l'uso contro obiettivi umani, ma sembra che la società abbia recentemente adattato la tecnologia da utilizzare contro i Droni. Il nuovo ambito SMASH 2000 Plus pubblicizza una "Modalità Drone". Secondo il produttore israeliano, Smartshooter, il sistema di controllo del fuoco SMASH, "mette a portata di mano dei suoi utenti una funzionalità anti-drone di precisione, con algoritmi di puntamento integrati che possono tracciare e colpire anche droni molto piccoli che scorrono ad alta velocità, a distanze fino a 120 metri, con il primo colpo ".

Lo Stato Islamico è stato uno dei primi ad adottare droni civili, riproponendoli per condurre missioni di ricognizione e in seguito attacchi contro le forze militari irachene e occidentali. Nel 2016, un drone IS pieno di esplosivi ha ucciso due combattenti curdi e ferito due operatori delle forze speciali francesi . Le forze statunitensi hanno risposto rapidamente ai droni, schierando jammer anti-drone per proteggere le unità di prima linea in Iraq.


L'adozione di mirini a pistola in grado di abbattere droni in rapido movimento è una soluzione più efficiente per il campo di battaglia. Mentre un jammer aumenta la prospettiva di catturare un drone intatto, un'ottica come SMASH 2000 Plus può trasformare una normale carabina M4A1 in un'arma in grado di coinvolgere sia truppe nemiche che droni. L'esercito sta attualmente cercando una nuova arma di fanteria di nuova generazione e un sistema di controllo elettronico del fuoco per truppe regolari e, data la proliferazione di droni in tutto il mondo, è probabile che un'arma futura integrerà una sorta di capacità anti-drone.

74 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

sponsorizzato da:

SAMO - LOGO

Security & Business Solution

in collaborazione con:

ICAROSCHOOL - LOGO

ENAC.CA.APR.049

® 2020 by Urban Security Drones - Expert Division

® Progetto "URBAN SECURITY DRONES" tutti i diritti riservati   |   Privacy Policy 

* Le foto presenti su questo sito sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio.

Seguici su: 

Via Vincenzo Cuoco, 17/c - Bari

+39 339.42.44.362